Il sesso del Caucaso con un ceceno

GROZNY in CECENIA ( sembra di essere a Dubai )

Che ha avuto rapporti sessuali con un adolescente

I ripetuti incidenti preoccupano Washington. Clinton: "Un'escalation il sesso del Caucaso con un ceceno tragica per tutti coloro che saranno coinvolti". In verde la provincia autornoma Leggere il seguito. I russi vogliono una piccola guerra vittoriosa? Perché la Russia rafforza il proprio contingente militare nel Caucaso del NordVersione dell'osservatore A Kislovodsk [1] una pattuglia cosacca a supporto delle forze dell'ordine ha ucciso crudelmente tre caucasici Ingushetia. Ru, Il nemico alle porte saldate L'operazione speciale è un metodo alla moda di regolare i conti nel Caucaso.

Abbiamo chiarito come assicurare la partenza degli Un nativo del Daghestan accusa l'ufficio consolare dell'ambasciata lettone di discriminazione su base etnica 7 settembe Matteo condivisioni Vedi il suo profilo Vedi il suo blog.

Vladimir Putin. Magazine Politica Giochi Autori. Esecuzioni extragiudiziali o "giustizia alla russa" Roza Mal'sagova [1] A chi conviene il business dei cadaveri? Ai criminali che operano astutamente con l'ideologia religiosa o a quelli i cui orologi KTO [2] sono puntati sul compenso a ore? Agli uni e agli altri. E quanti più cadaveri, tanto più alto è il guadagno. E cioè non c'è fine a questa guerra.

Dopo una relativa quiete, che si era accompagnata a trattative attive con i guerriglieri che volevano consegnarsi alle autorità, l'Inguscezia si è trovata di nuovo gettata in un caos sanguinoso. L'attività della clandestinità armata si è aggravata con le minacce del capo della Cecenia sull'"introduzione dell'ordine" sul territorio della repubblica confinante.

Kadyrov ha niente meno che accusato Evkurov di "insufficiente decisione nel condurre la lotta ai guerriglieri, passività politica e cecità ideologica". Per via il leader ceceno ha deciso di stabilire un confine che dai tempi della caduta della Ceceno-Inguscezia erano trasparenti e ha richiesto, sulla base di documenti di archivio non resi pubblici, che gli siano trasmessi due distretti che apparterrebbero da sempre alla Cecenia.

Mosca non si affretta a commentare queste assurdità, ma l'isteria di privatizzazione "alla Kadyrov" si è riversata non solo sulle colonne dei giornali. Qualsiasi successivo passo imprudente dell'ambizioso padrone di Centoroj [3] rischia di sfociare in un conflitto in cui risulterebbero coinvolti due popoli vicinissimi. Nell'ultimo mese gli agenti delle strutture armate ingusci hanno perduto 15 poliziotti rimasti uccisi e 20 persone sono rimaste ferite.

Nelle azioni in risposta nello stesso distretto di Malgobek [6] gli il sesso del Caucaso con un ceceno delle strutture armate hanno il sesso del Caucaso con un ceceno quattro persone che, secondo la versione ufficiale dell'UFSB [7], erano complici delle bande clandestine e "sono state eliminate mentre facevano il sesso del Caucaso con un ceceno armata agli agenti delle strutture armate".

Questa formula risuona letteralmente dopo ogni operazione speciale. Le deposizioni dei testimoni e le inchieste che sono state condotte dall'incaricato per i diritti umani in Inguscezia Ozdoev parlano di un ulteriore spirale di esecuzioni extragiudiziali compiute da gente con le mostrine. Capiamo che si verificano degli errori.

Capiamo che ci sono persone corrotte, che pensano solo ai soldi, anche nei servizi segreti. Ci sono mascalzoni dappertutto. Ci sono persone oneste. L'unica cosa che vogliamo e che chiediamo è quando accusano un innocente — è la cosa più pesante.

Quando ce n'è motivo, allora siamo pronti ad accettare questa punizione. Che ce lo dicano, non esigiamo di più. Ascoltate [8] la testimonianza dei genitori dei giovani uccisi e dei testimoni della fucilazione pubblica. Senza commenti. Tankiev Adam, vicino di Bekbuzarov Musa: Al mattino verso le 5. Guardando alla finestra, vidi un BTR [9], due macchine Ural [10] e persone armate mascherate. Uscii con mio padre e chiesi: — Ci sono tra voi rappresentanti del potere locale?

Risposero: — Non ci sono, ci saranno. Ci saranno verso le 9. Hanno lasciato avvicinare mio padre al portone e ha bussato. E' uscito Musa. Musa Bekbuzarov padre dell'ucciso Bekbuzarov Ibragim : Dissero : — Abbiamo da controllare i passaporti [11].

In questo cortile c'è il sesso del Caucaso con un ceceno figlio maggiore. Tankiev Adam: Poi portarono fuori tutti i bambini e le donne e li portarono a una Priora [12] a controllare i documenti. Dopo il controllo di tutti i documenti li fotografarono, poi i militari entrarono in casa insieme a Musa.

Musa Bekbuzarov: "Andrai ai nostri ordini". Mi chiesero di prendere una mini-telecamera a forma di pallina e di girare in compagni di un militare tutti gli spazi il sesso del Caucaso con un ceceno casa, cortile, cortile posteriore, garage, orto.

Seguirono il filmato per strada su un monitor. Poi chiesero a mio figlio Ibragim di passare in casa ancora una volta con i militari per la perquisizione. Tankiev Adam: Poi i militari tornarono con Ibragim, si sono avvicinarono di più al portone, lo misero contro il muro della casa, lo ispezionarono — per vedere se avesse armi e lo portarono in casa con le mani dietro la testa.

Qualche minuto dopo sentimmo alcuni spari — prima di fila, poi ci furono altri due spari. Musa Bekbuzarov: L'omicidio avvenne in quella stanza dove durante la nostra "video-ispezione" avevano detto che era "un buon posto".

Sul suo corpo c'erano molte ferite da il sesso del Caucaso con un ceceno e sul volto una ferita da pallottola che testimonia che mio figlio fu finito. Tankiev Adam: Poi giunsero gli esperti. Poi i militari si dettero il cambio — si avvicinarono altri due Ural con dei militari. Lasciarono andare il padre e i familiari del ragazzo ucciso. Le donne scoprirono che erano scomparsi tutti i soldi che c'erano in casa e che era stato rubato l'oro.

Il padre di Ardachman Kurskiev: Alle 6. Mi gridarono: — La vostra casa è minata. Portate fuori tutti quelli che sono in casa. Chiesi il mandato di perquisizione e perché non ci fosse un ispettore distrettuale. Risposero che avevano i poteri e chiesero di portare tutti fuori di casa.

Divisero noi tre — me, mio figlio e mia figlia e mio figlio minore, che uccisero, l'avevano già spogliato. Stava in piedi nudo. I due ufficiali di grado più altro, uno dei quali era magro, erano senza maschere, tutti gli altri erano mascherati. Quelli che si avvicinarono a noi erano russi. Portarono mio figlio nel cortile e sentii una breve scarica di mitra e dopo questa scarica gli spararono il colpo di grazia alla tempia.

In mano aveva una radio e disse alla radio: — La cosa è fatta. Verso le undici giunsero degli agenti di polizia dal Ministero degli Interni locale e dissero che dovevamo andare con loro al posto di polizia.

Ci tennero là fino alle due. Quando tornai qui, avevano già portati mio figlio all'obitorio. Lo zio di Adrachman Kurskiev: Là ci fu anche un colpo di grazia. Il ragazzo era fortemente deturpato.

Noi stessi lo portammo via dall'obitorio. Tutti gli altri avevano colpi di grazia alla testa. Il padre di Il sesso del Caucaso con un ceceno Kurskiev: Perfino quando gli dissero che ci sarebbe stato un controllo dei passaporti, rispose: — Non ho niente da temere, sono pulito nell'anima.

Erano persone. Se non uscite tra due minuti, inizieremo a sparare. Portate i passaporti con voi. Ci sono armi? Ora portiamo i passaporti. Non sparate! Ci siamo appena alzati, non vi il sesso del Caucaso con un ceceno. Aspettate… Non erano passati neanche i due minuti che ci avevano dato quando uscimmo insieme dal cortile in il sesso del Caucaso con un ceceno.

Ci misero contro il cancello e ci ispezionarono completamente. Non c'era neanche bisogno di perquisirci, eravamo in camicia da notte, quasi nudi, anche se è vergognoso dirlo. Ci circondarono dieci soldati e stavamo tra loro.

Portate via me, — dico, — e questi di nuovo con queste parole — tu, cagna, stai ferma finché non ti spariamo. Portarono il ragazzo in casa e là lo torturarono con un coltello da cucina, gli tagliarono le vene delle mani. Non so cosa lo costrinsero a dire, ma non poteva dire quello che non aveva commesso. Dopo avergli tagliato le mani con il coltello, gli coprirono il volto con un cuscino di piume e lo uccisero con tre colpi di una pistola con il silenziatore.

Perché non esce? Perché non sento la sua voce? Cos'avete fatto a mio figlio? Gridai da far tremare la terra : — Non prendere il pacchetto, non prendere la paletta, non uccidere mio figlio.