Sex Servizi in Ossezia del Nord

Il conflitto russo-georgiano (2008)

Sesso con una zebra

Stop police persecution of Canadian activists! Donate Sex Servizi in Ossezia del Nord our comrade's legal defence. Allo stesso tempo è solo un capitolo di un conflitto che si svilupperà in tutta la regione nel prossimo periodo, i cui esiti sono ancora incerti ma che rivestiranno una grande importanza per il movimento operaio a livello internazionale.

Questa è stata la giustificazione di cui aveva bisogno il Cremlino per regolare i contini sospeso nella regione e riaffermare il proprio ruolo come potenza regionale. La controffensiva ha distrutto il centro di Gori, a causa dei bombardamenti ad alta quota, uccidendo dozzine di civili, con migliaia di civili in fuga terrorizzati dal contrattacco, come riportato dai mass-media internazionali.

Nonostante i proclami dei governi georgiano e russo, la guerra, che la si osservi da ambedue i punti di vista, non ha nulla di progressista. Ma è anche il prodotto delle politiche nazionaliste della burocrazia sovietica, imbevute di sciovinismo grande russo, che hanno provocato la crescita del risentimento nazionale e regionale nei confronti di Mosca.

Sono spesso conflitti ancora irrisolti che potrebbero riesplodere in qualsiasi momento. Questi avvenimenti Sex Servizi in Ossezia del Nord la strada a conflitti ancora più aspri ed alla disintegrazione della Georgia. I russi serreranno le fila in Georgia. Sex Servizi in Ossezia del Nord regioni cosiddette autonome ed i leaders filomoscoviti hanno troppa voglia di arrivare allo scontro con il nuovo governo di Tbilisi.

Stiamo aspettando la prossima mossa della partita. Si è salvato attaccando il movimento come frutto di una cospirazione russa e proclamando lo stato di emergenza. Ha poi indetto elezioni anticipate nel giro di un mese, che ha vinto. E poi non avrebbero osato intraprendere un intervento militare diretto contro un alleato stretto degli Usa come la Georgia.

Lo hanno fatto per i loro interessi imperialisti: volevano testare ancora una volta la reazione russa. I dirigenti del Partito comunista Sex Servizi in Ossezia del Nord del sindacato hanno capitolato davanti alle posizioni del Cremlino sulla guerra, come del resto non contestano seriamente la sua linea in tempi di pace.

Ma al tempo stesso la politica militarista è una maledizione per Sex Servizi in Ossezia del Nord popolo russo. Una percentuale significativa di russi vivono in Crimea, nei paesi del Baltico e in Kazakhistan. Dove potrà arrivare al di fuori dei Sex Servizi in Ossezia del Nord dello Stato russo la difesa dei propri cittadini? La preparazione sistematica per la guerra sia da parte russa che da parte georgiana dimostra che da tempo i due paesi stavano organizzandosi per perseguire i propri interessi reazionari.

Il problema dello sviluppo di relazioni pacifiche nel Caucaso non sarà risolto dal numero di soldati presenti nella regione. Lenin descrisse la questione nazionale come una questione di pane. Come pensare che si possa risolvere la questione del ritorno dei profughi su basi capitaliste? Creerebbe ulteriori tensioni su basi etniche o religiose. Il Caucaso è stato per migliaia di anni un crocevia per diversi popoli, lingue e religioni.

Questa guerra è il tragico risultato della politica catastrofica di Stalin sulla questione nazionale. Migliaia di ingusci vivono ancora in quelli che sono fondamentalmente dei campi profughi.

Tuttavia anche gli osseti che si sono trasferiti sulle terre degli ingusci e vi risiedono da due o tre generazioni e non dispongono di un altro posto dove andare, hanno dei diritti che devono essere considerati. È una questione molto delicata e complicata. Nessuno ha il diritto di obbligare un popolo a vivere Sex Servizi in Ossezia del Nord confini di uno Stato quando la maggioranza non ci vuole stare. Come spiega Ted Grant:. Per questo chiese che le nazionalità fossero trattate con estrema sensibilità.

Ogni manifestazione di sciovinismo grande russo andava estirpato. La lotta di classe in tutti questi paesi, a cominciare dalla Russia, è avvelenata dalla questione nazionale. I lavoratori russi non guadagneranno nulla dalla guerra contro la Georgia a parte il rafforzamento di Putin e la crescita delle organizzazioni neonaziste che rivolgeranno i loro attacchi dapprima contro i giovani e i lavoratori del Caucaso e poi contro i lavoratori russi e le loro organizzazioni.

Anche in Georgia abbiamo assistito a proteste contro gli oligarchi che sono sfociate in manifestazioni di massa alla fine delscontratesi violentemente con la polizia. Oggi in Georgia prevarrà una Sex Servizi in Ossezia del Nord confusione ed il rancore contro la Russia ma la lotta di classe riuscirà a spezzare questa isteria nazionalista.

La demagogia nazionalista di Saakashvili è un segno di debolezza, senza di essa infatti non avrebbe una base di appoggio sufficiente.